Infiammazione associata alla depressione

29.10.2021

I ricercatori stanno sempre più riconoscendo che la depressione è una condizione radicata nell'infiammazione cronica. L'infiammazione si verifica in tutto il corpo come risultato dello stress non gestito, dell'attivazione di pensieri e sentimenti di lotta o fuga, e di cibi infiammatori e altre sostanze. Alcune citochine e altri messaggeri infiammatori, come CRP, IL-1, IL-6 e TNF-alfa, sono predittivi e correlati alla depressione. Mercola scrive: "Per esempio, nella depressione malinconica, nel disturbo bipolare e nella depressione post-partum, i globuli bianchi chiamati monociti esprimono geni pro-infiammatori che causano la secrezione di citochine". La sensibilità al cortisolo quindi diminuisce, ma il cortisolo è un ormone dello stress che protegge dall'infiammazione. "Insieme", nota Mercola, "questi agenti infiammatori trasferiscono informazioni al vostro sistema nervoso, di solito stimolando il nervo vago, che collega l'intestino e il cervello". Questo è importante perché il nervo vago gioca un ruolo centrale nella salute degli organi digestivi e del cuore, compresa la produzione di serotonina.

I ricercatori ritengono che almeno un terzo dei pazienti depressi abbia alti livelli di infiammazione. È stato dimostrato che i farmaci antinfiammatori alterano favorevolmente le vie neurochimiche coinvolte nella depressione. Tuttavia, ci sono agenti antinfiammatori naturali, tra cui la curcumina (dalla curcuma) e la boswellia. La chetosi nutrizionale riduce anche l'infiammazione. Gli acidi grassi Omega-3 di origine animale (salmone, olio di pesce) e la vitamina D3 sono anche importanti nutrienti antinfiammatori. Inoltre, lo yoga e la respirazione profonda rilassano il sistema nervoso simpatico e, a loro volta, calmano il nervo vago.

Adattato da "Depression Linked to Inflammation Gains Strength", di Joseph Mercola, DO, su https://articles.mercola.com. Una lista generale di agenti antinfiammatori disponibili su https://greenmedinfo.com/pharmacological-action/anti-inflammatory-agents.