Come superare la crisi di primavera e rafforzare l'immunità?

18.05.2021

La primavera è di solito associata a sensazioni piacevoli: le temperature aumentano, le piante fioriscono, tutto intorno a noi si risveglia alla vita. Anche la pioggia si scalda e qualche goccia nei capelli non è più un problema come in autunno. Tuttavia, nelle prime settimane della stagione c'è un fenomeno che ha conseguenze negative: la crisi di primavera. Che cos'è esattamente? Quali reazioni provoca nel corpo? E come dovreste reagire se lo sperimentate?

Quando il cambiamento del tempo è opprimente

Cos'è esattamente il cosiddetto attacco di primavera? È la reazione del corpo al cambiamento del tempo e della pressione: in inverno la pressione era alta e le temperature basse, e in primavera tutto comincia a cambiare. A volte improvvisamente - e anche se ti stai godendo il sole e il calore - puoi sentirti stanco, sonnolento, perdere la concentrazione, avere dolore alle ossa, palpitazioni e una generale mancanza di voglia di vivere. Molte persone sostengono che questi sono sintomi inventati e che solo alcune persone sono suscettibili. Tuttavia, la scienza ha già classificato questo caso e gli ha persino dato un nome ufficiale: sindrome da stanchezza primaverile.

Come contrastare la crisi di primavera?

Rafforzando la tua immunità!

Prima di agire, è importante essere consapevoli di ciò che, oltre ai fattori sopra menzionati, promuove effettivamente l'insorgere della crisi di primavera. In breve, è lo stile di vita "invernale". Meno verdura e frutta fresca (e più prodotti ad alto contenuto di carboidrati), giornate invernali più corte, sonno insufficiente, tempo libero meno attivo (soprattutto all'aperto): tutto questo intensifica la mancanza di forza all'inizio della primavera.

La risposta deve essere quella di rafforzare l'immunità in modo che il corpo possa difendersi efficacemente dagli effetti negativi di questa crisi. La priorità deve essere quella di arricchire la dieta con prodotti contenenti molte vitamine e macroelementi. È noto che l'immunità è rafforzata in particolare dalla vitamina C, ma è anche necessario integrare con la vitamina D, che è generalmente meno presente nel corpo dopo la scarsa luce solare dei mesi invernali. Dovresti anche assicurarti di avere una dose extra di vitamine A ed E, conosciute come le vitamine della giovinezza, che miglioreranno l'aspetto e la condizione della pelle.

I medici raccomandano anche di monitorare i livelli di cromo (che aiuta a mantenere il corretto metabolismo dei macronutrienti), potassio e magnesio (importanti per il sistema nervoso e muscolare), così come selenio, zinco e ferro (che rafforzano l'immunità e migliorano le condizioni generali del corpo). Se necessario, si possono usare integratori alimentari di alta qualità, disponibili in farmacia. Tuttavia, bisogna tener presente che eventuali carenze devono essere compensate sotto controllo medico.

La nostra raccomandazione:
1 bustina o 4 compresse ImmunoBran al giorno per 15 giorni.

Focus sull'attività fisica

In tutto questo, non dimenticate che l'attività fisica regolare (se possibile all'aperto) ha anche un effetto sull'immunità - probabilmente tanto quanto una dieta sana. E dopo l'esercizio, è essenziale assicurarsi di rigenerarsi e dormire abbastanza (tra le 7 e le 9 ore). Allora sarete preparati a ciò che il volubile tempo primaverile ha in serbo per voi!

Fonti: Brzozowska A., Wzbogacanie żywności i suplementacja diety składnikami odżywczymi - korzyści i zagrożenia (Arricchimento alimentare e integrazione di nutrienti - benefici e rischi), "Żywność: nauka - technologia - jakość (cibo: scienza - tecnologia - qualità)," 2001, 4(29)

Progress in Neurobiology 2010; 91 (3) Neurology 19993; 43: 125-131; Br. Med. J. 1990; 301

Classificazione statistica internazionale delle malattie e dei problemi di salute - Revisione X, Volume I, edizione 2008.

Brzozowska A., Roszkowski W., Pietruszka B., Kałuża J., Witaminy i składniki mineralne jako suplementy diety (Vitamine e minerali come integratori alimentari), "Żywność: nauka - technologia - jakość" (Alimentazione: scienza - tecnologia - qualità), 2005, 4(45)