FAQ ImunoBran® MGN-3

1. Da dove proviene l'integratore per il sistema immunitario ImunoBran® MGN-3?

ImunoBran® MGN-3 è prodotto secondo gli esigenti standard della Daiwa Pharmaceutical in Giappone ed è conforme sia ai rigorosi standard del Ministero della Salute e del Welfare giapponese che agli standard alimentari europei e statunitensi.

2. ImunoBran® MGN-3 è un immunostimolatore o un immunomodulatore?

ImunoBran® MGN-3 è un immunomodulatore; non potenzia artificialmente il sistema immunitario. Di conseguenza, coloro che beneficiano maggiormente della sua assunzione sono quelli con un sistema immunitario debole. I modulatori sono molto più sicuri dei booster o degli stimolanti perché portano i parametri biologici in equilibrio piuttosto che spingere verso l'alto determinati parametri a scapito di altri, il che causa effetti collaterali.

3. ImunoBran® MGN-3 è una cura o un trattamento per malattie specifiche?

ImunoBran® MGN-3 è un integratore alimentare che aiuta a modulare la funzione immunitaria. Se, nel processo di modulazione della funzione immunitaria, alcuni dei sintomi di una particolare malattia o condizione diminuiscono, allora tutto va bene. ImunoBran® MGN-3, tuttavia, non è di per sé un trattamento o una cura per qualsiasi malattia o condizione medica. È usato con più successo come complemento o aggiunta a un programma di trattamento adeguato (convenzionale o altro) supervisionato da un operatore sanitario. Infatti, lo stesso sviluppatore, il professor Ghoneum, afferma che il trattamento convenzionale dei tumori è un efficace "debulker", mentre ImunoBran® MGN-3 viene utilizzato per aiutare la funzione immunitaria dell'organismo a rimuovere qualsiasi residuo e a ripristinare l'integrità del corpo.

4. ImunoBran® MGN-3 sarebbe utile per la malattia X, Y o Z?

In generale, chiunque abbia una malattia che comporta un abbassamento del sistema immunitario come sintomo è probabile che riceva qualche beneficio dall'integrazione di ImunoBran® MGN-3, anche se ancora una volta va sottolineato che ImunoBran® MGN-3 NON è un trattamento in sé, ma un utile integratore da prendere insieme al trattamento. In generale, le malattie/infezioni virali e le condizioni cancerose rispondono meglio con l'integrazione di ImunoBran® MGN-3 accanto a un trattamento adeguato, anche se si consiglia sempre di informare il proprio medico di qualsiasi integrazione. Dato che i trattamenti convenzionali contro il cancro, come la chemioterapia e la radioterapia, impoveriscono anche pesantemente il sistema immunitario, abbassando la qualità della vita, non sorprende che uno dei benefici più riportati dell'integrazione di ImunoBran® MGN-3 sia che può aiutare ad aumentare la qualità della vita durante questi trattamenti, riducendo alcuni degli effetti collaterali.

5. Si deve evitare ImunoBran® MGN-3 se si ha una malattia autoimmune?

Le malattie autoimmuni sono quelle condizioni in cui il sistema immunitario attacca il proprio corpo - ha perso la capacità di differenziare tra sé e non sé. Esempi di malattie autoimmuni sono l'artrite reumatoide, la sclerosi multipla, la psoriasi e il morbo di Crohn. Se il problema è grave, i medici prescrivono farmaci immunosoppressori per indebolire la gravità di questo autoattacco. Gli immunosoppressori sono anche prescritti per i trapianti di cellule, tessuti o organi al fine di minimizzare il rigetto da parte del sistema immunitario. Quindi, se stai assumendo farmaci immunosoppressori, allora è ovviamente sconsigliato assumere ImunoBran® MGN-3, o almeno verificare prima con il tuo medico. La ragione di questo potrebbe essere che coloro che hanno malattie autoimmuni tendono ad avere attività delle cellule NK ridotte e un numero di macrofagi sostanzialmente fluttuante. In tali circostanze, ImunoBran® MGN-3 può aiutare ad aumentare l'attività delle cellule NK e a smorzare le fluttuazioni dei macrofagi. Tuttavia, l'attivazione dell'attività dei globuli bianchi prima che le fluttuazioni siano sufficientemente ridotte potrebbe aggravare i sintomi per un periodo di circa un mese dopo l'inizio della somministrazione di ImunoBran® MGN-3. Per questo motivo, si suggerisce di iniziare con un piccolo dosaggio e di aumentarlo molto lentamente, osservando attentamente i sintomi in seguito. Un altro fattore da prendere in considerazione è l'effetto antinfiammatorio di ImunoBran® MGN-3. Lo stesso dottor Yuzo Endo, consulente della Daiwa Pharmaceutical, ha iniziato a prendere ImunoBran® MGN-3 per la sua artrite reumatoide. È rimasto così colpito dai risultati che ha iniziato a esaminare gli altri aspetti di questo integratore.

6. ImunoBran® MGN-3 può essere utile per la psoriasi?

Non ci sono stati studi clinici o casi di studio sull'effetto di ImunoBran® MGN-3 sulla psoriasi, una condizione autoimmune della pelle. Anche se ImunoBran® MGN-3 possiede un'attività immunomodulante e sopprime l'infiammazione potenziando l'attività NK e promuovendo la proliferazione delle cellule B e T, oltre a ridurre la produzione di citochine infiammatorie, il meccanismo patogenetico della psoriasi non è stato chiarito e quindi è difficile sapere esattamente cosa può essere utile, anche se si ritiene che dieta, stress e infezioni, insieme alla genetica, siano tutti fattori importanti. Il trattamento standard per la psoriasi include generalmente agenti anti infiammatori o immunosoppressivi. Quindi, anche se ci si aspetta che ImunoBran® MGN-3 sia efficace sulla psoriasi, è anche possibile che possa peggiorare l'infiammazione promuovendo l'immunità. Pertanto, quando un paziente con psoriasi assume questo prodotto, dovrebbe iniziare con un piccolo dosaggio e osservare attentamente i sintomi in seguito. Se le condizioni migliorano, il dosaggio dovrebbe essere regolato da una a tre bustine da 1000 mg al giorno. Se le condizioni peggiorano, allora ImunoBran® MGN-3 dovrebbe essere interrotto.

7. Posso prendere ImunoBran® MGN-3 con i farmaci X, Y o Z?

Come ogni prodotto, sarebbe impossibile testare ImunoBran® MGN-3 con ognuno delle decine di migliaia di farmaci attualmente disponibili. Tuttavia, capire che ImunoBran® MGN-3 è un integratore di crusca digeribile, e che è stato assunto da decine di migliaia di persone in tutto il mondo senza incidenti, lo rende un integratore molto sicuro senza controindicazioni segnalate, a parte, ovviamente, gli immunosoppressori. Ha anche superato severi test di valutazione in ospedale. Detto questo, si raccomanda sempre, per qualsiasi prodotto (o cambiamento radicale nella dieta), di informare il proprio medico o professionista.

8. Cosa determina il costo di ImunoBran® MGN-3?

Anche se ImunoBran® MGN-3 è "semplicemente" crusca di riso predigerita che è stata frazionata per selezionare determinate dimensioni molecolari, il processo stesso è piuttosto complesso da realizzare in condizioni controllate dal punto di vista farmaceutico. Inoltre, la resa di ImunoBran® MGN-3 dalla crusca di riso durante questo processo è effettivamente molto piccola. Questo rende l'ImunoBran® MGN-3 un prodotto costoso. Aggiungete a questo i costi di sviluppo del prodotto e di ricerca che Daiwa Pharmaceutical ha sostenuto nel corso degli anni e inizierete a capire i costi coinvolti. In futuro, questo prezzo si ridurrà gradualmente man mano che i costi di sviluppo saranno recuperati, gli ospedali sosterranno una percentuale maggiore dei costi di ricerca e la produzione sarà incrementata.

9. Perché le bustine da 1000mg di ImunoBran® MGN-3 hanno un peso netto di 2000mg?

Le bustine contengono ciascuna 1000mg di ImunoBran® MGN-3 attivo, mentre le compresse contengono ciascuna 250mg di ImunoBran® MGN-3 attivo. Il resto del peso di ciascuna è dovuto agli eccipienti che vengono aggiunti per stabilizzare il prodotto, aiutarlo a tenerlo insieme (per le compresse), aiutarlo a scorrere (per le bustine), e per mantenere l'ImunoBran® MGN-3 asciutto (è molto idrofilo). Puoi trovare questi altri ingredienti nella sezione ingredienti di questo sito.

10. C'è differenza tra l'efficacia delle bustine e delle compresse?

I produttori di ImunoBran® MGN-3 hanno assicurato che non c'è alcuna differenza di efficacia tra le forme in cui si trova l'ImunoBran® MGN-3. Quindi prendere 4 compresse è del tutto equivalente a prendere una bustina: entrambe contengono 1000mg di ImunoBran® MGN-3. (Le compresse sono più convenienti per chi assume dosaggi minori e per chi non vuole il fastidio di mescolare la polvere in mezzo bicchiere d'acqua). Tuttavia, poiché le bustine vengono assorbite più facilmente, idealmente dovrebbero essere prese venti minuti dopo un pasto, mentre le compresse dovrebbero essere prese con un pasto.

11. Quanto ImunoBran® MGN-3 dovrei prendere?

Come regola generale, le dosi più elevate di ImunoBran® MGN-3 tendono a raggiungere il livello immunitario ottimale o il punto di normalizzazione molto più rapidamente dei dosaggi più bassi e quindi sono raccomandate per le condizioni più gravi in cui la velocità di recupero è importante. I dosaggi variano da 500 mg al giorno (mezza bustina o 2 compresse) fino a 3000 mg al giorno (3 bustine o 12 compresse) o più per un adulto di peso standard. Un adulto abbastanza sano, o qualcuno con un leggero raffreddore o infezione, prenderebbe 500 mg al giorno per la protezione immunitaria generale e la prevenzione delle malattie. Per carenze immunitarie più gravi o per un recupero più rapido si prende 1 bustina al giorno (4 compresse o 15mg/kg/giorno), mentre per carenze immunitarie molto gravi, come quelle associate al cancro, si prendono 3 bustine (12 compresse o 45mg/kg/giorno) al giorno per 2 mesi e poi si scende a una dose di mantenimento di 1 bustina (4 compresse). (Se, durante la dose di mantenimento, vengono somministrati trattamenti come la chemioterapia o la radioterapia, è consigliabile aumentare nuovamente la quantità fino a 3 grammi al giorno o più da una settimana prima del trattamento fino a un paio di settimane dopo). È sempre meglio dividere i dosaggi nel corso della giornata tra i pasti, così per esempio, qualcuno che prende 3 bustine o 12 compresse al giorno dovrebbe prendere 1 bustina o 4 compresse con i tre pasti principali della giornata - colazione, pranzo e cena.

12. Se smetto e poi ricomincio l'integrazione con ImunoBran® MGN-3, quanto dovrei prendere?

Chi prende un grammo (1000mg o 4 compresse) o più di ImunoBran® MGN-3 al giorno raggiungerà una modulazione immunitaria ottimale dopo un periodo di due mesi. Se ImunoBran® MGN-3 viene interrotto in qualsiasi momento, la funzione immunitaria generalmente ricadrà, nell'arco di un mese, al suo livello originale indebolito a causa dei continui fattori immunosoppressori come la presenza di malattie, la cattiva alimentazione, lo stress, la tossicità ecc. Si consiglia, quindi, di non interrompere un corso di ImunoBran® MGN-3 per più di un periodo molto occasionale e inevitabile di pochi giorni.

13. Quando posso smettere di prendere ImunoBran® MGN-3?

ImunoBran® MGN-3 non soffre di iporesponsività o di una diminuzione dell'efficacia nel tempo, e quindi può essere assunto indefinitamente. Tuttavia, il costo dell'integrazione a lungo termine può essere più elevato e quindi molti vogliono sapere quando possono smettere di prenderlo. Se l'hai preso per una particolare condizione e quella condizione è stata trattata con successo, allora l'integrazione di ImunoBran® MGN-3 può essere interrotta o si può continuare con una piccola dose di mantenimento. Se la condizione persiste o è in corso, è probabilmente meglio continuare a prenderlo. Quando si interrompe ImunoBran® MGN-3 si raccomanda sempre di adottare stili di vita sani per massimizzare i livelli del proprio sistema immunitario.

14. Posso ridurre il dosaggio della chemioterapia se prendo ImunoBran® MGN-3?

Alcune ricerche hanno suggerito che, poiché la capacità del corpo di combattere da solo è stata aumentata, i dosaggi della chemioterapia possono essere ridotti. Sebbene ciò sia stato provvisoriamente dimostrato in alcuni studi su animali, NON lo raccomandiamo. Consultate sempre il vostro oncologo.

15. Se sto facendo una chemioterapia/radioterapia e scelgo di prendere ImunoBran® MGN-3 insieme, quando dovrei iniziare a prenderlo?

Prima è, meglio è, a condizione che il tuo oncologo non si opponga. Avere un sistema immunitario forte quando si inizia la chemioterapia renderà il trattamento chemioterapico o radioterapico molto più facile da sopportare con effetti collaterali più lievi. Dovresti iniziare subito con la dose più alta di 3 grammi o bustine al giorno per normalizzare il tuo sistema immunitario il più rapidamente possibile. Normalmente si dovrebbe ridurre la dose di ImunoBran® MGN-3 a 1 bustina o 1 grammo al giorno dopo 2 mesi, ma nel caso di un periodo prolungato di chemio o radioterapia, si raccomanda di rimanere su questa dose più alta durante tutto il trattamento effettivo per aiutare a mitigare gli effetti collaterali. (Idealmente, la dose elevata dovrebbe essere presa da una settimana prima del trattamento a due settimane dopo).

16. I bambini possono prendere ImunoBran® MGN-3?

ImunoBran® MGN-3 è stato assunto in modo sicuro e con successo da bambini di tutte le età. Le dosi tendono ad essere ridotte in proporzione al loro peso rispetto al peso degli adulti. Così, per esempio, un bambino che pesa 20 kg potrebbe prendere circa un terzo o un quarto della dose per adulti.

17. Le donne incinte possono prendere ImunoBran® MGN-3?

Le donne incinte hanno assunto ImunoBran® MGN-3 senza problemi. Tuttavia, la Daiwa Pharmaceutical ci ha detto che, come per qualsiasi prodotto o alimento, non importa quanto apparentemente sicuro, fino a quando non saranno effettuati test approfonditi sulle donne in gravidanza, non possono approvare l'integrazione di ImunoBran® MGN-3 per questo gruppo.

18. Posso dare ImunoBran® MGN-3 ai miei animali domestici?

Molte persone hanno dato ImunoBran® MGN-3 ai loro animali domestici per rafforzare la funzione immunitaria. Abbiamo sentito che è stato dato solo a mammiferi e uccelli, anche se siamo sicuri che qualcuno che lo somministra alla sua iguana ci contatterà a breve (le forme di vita meno sviluppate come i pesci hanno un sistema immunitario più primitivo e quindi non sarebbe raccomandato). Di nuovo, come per i bambini, le dosi devono essere scalate in base al peso. Usate la formula di 15mg/kg/giorno per avere il dosaggio equivalente di un essere umano adulto che prende 1000mg o 1 bustina al giorno. Nel prossimo futuro sarà disponibile un prodotto speciale per animali.

19. ImunoBran® MGN-3 passa attraverso la barriera emato-encefalica?

Al momento non ci sono prove che ImunoBran® MGN-3 possa passare attraverso la barriera emato-encefalica. ImunoBran® MGN-3 ha una grande massa molecolare, molto più grande del glucosio che può attraversare questa barriera, e quindi è improbabile che possa penetrarla. Questo significa che ImunoBran® MGN-3 non è di alcuna utilità per chi ha una crescita cellulare anormale nel cervello? No. ImunoBran® MGN-3 è ancora utile perché il cervello non ha un sistema immunitario separato da quello del corpo, quindi un sistema immunitario rafforzato beneficerà in qualche misura tutte le regioni del corpo. E anche se le cellule NK generalmente non migrano attraverso la barriera emato-encefalica, qualsiasi crescita anormale nel cervello avrebbe una vascolarizzazione corrispondentemente aumentata (e una vascolarizzazione più disordinata di quella normale) e quindi è più probabile che le cellule NK siano in grado di raggiungere queste cellule anormali. Detto questo, ci sono pochi dati disponibili per l'effetto di ImunoBran® MGN-3 sulle escrescenze cerebrali, anche se sicuramente aiuterà la qualità della vita di questi pazienti. (Informazioni dal Dr.Endo in Giappone).

20. Si può assumere ImunoBran® MGN-3 durante un trapianto di cellule staminali?

Quando qualcuno si sottopone a una terapia con cellule staminali, è invariabilmente sotto immunosoppressori per aiutare a ridurre il rischio di rigetto delle cellule staminali. Durante questo periodo, non si dovrebbe assumere nulla che aumenti la funzione immunitaria. Una volta che le cellule staminali sono state prelevate e gli immunosoppressori sono stati interrotti, se il medico è soddisfatto, ImunoBran® MGN-3 può essere assunto per aiutare a normalizzare nuovamente il sistema immunitario.

21. ImunoBran® MGN-3 è un prodotto sterile?

Come altri integratori alimentari naturali, ImunoBran® MGN-3 non è un prodotto sterile. Infatti, qualsiasi processo di sterilizzazione, che di solito comporta alte temperature ed eventualmente pressioni, denaturerebbe il prodotto. Tuttavia, è prodotto in un laboratorio farmaceutico ed è confezionato da un confezionatore di alta qualità. Quindi, anche se c'è un contenuto batterico estremamente basso in questo prodotto, sarebbe ancora classificato come molto pulito in confronto ad altri integratori di salute sul mercato. ImunoBran® MGN-3 non contiene batteri nocivi.

22. ImunoBran® MGN-3 è testato sugli animali?

Come azienda giapponese, Daiwa Pharmaceutical è stata obbligata per legge a eseguire un test LD50 sugli animali per motivi di sicurezza. Si tratta di un test unico condotto sui ratti a cui devono essere sottoposti tutti i nuovi prodotti. Anche se questo test è spiacevole, è inevitabile e un requisito legale. Senza i dati di sicurezza LD50, nessun comitato etico ospedaliero condurrebbe alcuna prova o studio sull'uomo con ImunoBran® MGN-3, e certamente non sarebbe disponibile al pubblico. Gli altri esperimenti sugli animali (sempre con i ratti) che questa azienda ha eseguito con ImunoBran® MGN-3 sono test "subcronici" per studiare gli effetti collaterali e l'attivazione del sistema immunitario. Con questi test, nessun animale viene ucciso. Daiwa si impegna ad agire in modo etico e responsabile e mantiene sempre la sperimentazione animale al minimo assoluto.

23. ImunoBran® MGN-3 contiene ingredienti OGM?

Assolutamente no. ImunoBran® MGN-3 non è geneticamente modificato in alcun modo e non contiene ingredienti OGM.

24. I livelli di arsenico in ImunoBran® MGN-3 sono preoccupanti?

La maggior parte degli alimenti contiene una piccola parte del minerale arsenico, così come molti altri minerali. Il contenuto di arsenico in ImunoBran® MGN-3 è di 3 ppm o meno - che equivale a 9 µg al giorno su una dose giornaliera di 3 g di ImunoBran® MGN-3. Poiché lo standard di sicurezza dell'OMS per l'arsenico inorganico (il tipo altamente tossico) è fissato a 107 µg al giorno per una persona di 50 kg, la quantità in ImunoBran® MGN-3 è certamente nella zona sicura. Tuttavia, poiché una percentuale dell'arsenico in ImunoBran® MGN-3, come in altre sostanze alimentari, è della varietà organica a bassa tossicità, la quantità di arsenico pericoloso sarà una frazione ancora più piccola del limite di sicurezza, rendendo la tossicità dell'arsenico un non problema per ImunoBran® MGN-3. Per finire, la sicurezza di ImunoBran® MGN-3 è supportata da uno studio di mutagenicità e da una serie di studi tossicologici che non hanno mai riportato effetti collaterali tossici o pericolosi.

25. C'è il pericolo che ImunoBran® MGN-3 sia radioattivo dopo l'incidente nucleare giapponese di Fukushima?

L'impianto di produzione Daiwa non solo è a centinaia di chilometri da Fukushima, ma naturalmente ogni lotto di ImunoBran® MGN-3 viene testato per le radiazioni e tutti sono risultati completamente puliti. Gli ImunoBran® MGN-3 venduti in Europa sono sottoposti a test molto severi sulle radiazioni.

26. Perché gli agenti che vendono ImunoBran® MGN-3 sono così reticenti nel presentare i suoi benefici?

Nella maggior parte dei paesi europei non è legale per gli agenti che vendono qualsiasi integratore alimentare fare dichiarazioni mediche. ImunoBran® MGN-3 è quindi venduto semplicemente come un integratore che può aiutare a rafforzare il sistema immunitario debole. Negli Stati Uniti, i promotori sembrano avere la libertà di dire un po' di più.

27. Ho sentito parlare del prodotto brevettato Bi.Bran, BioBran, Ribraxx, Lentin Plus, PeakImnune-4, anch'esso prodotto da Daiwa. Com'è diverso dal prodotto ImmunoBran® MGN-3?

ImunoBran® MGN-3 sono composti del sistema immunitario identici a questi prodotti, prodotti dalla Dawia Pharmaceutical in Giappone. Hanno una funzione identica nel corpo. L'unica cosa che differisce è il marchio e la confezione e i continenti.